CONFERENZE, MOSTRE, DIBATTITI, FILM E INIZIATIVE VARIE PROGRAMMATE A MANTOVA E PROVINCIA

Nei prossimi giorni avranno luogo le prime iniziative organizzate in occasione del Giorno della Memoria 2016

 

MANTOVA

DAL MEDZ YEGHERN ALLA SHOAH:
le tappe per la definizione di genocidio


Venerdì 22 gennaio 2016 | ore 10.00
Aula Magna Liceo “Isabella d’Este” - via Rippa, 1 Mantova
INIZIATIVA DIDATTICA RISERVATA AGLI ALLIEVI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO

Venerdì 22 gennaio 2016 | ore 18.00
Auditorium “Claudio Monteverdi”
Conservatorio di Musica “Lucio Campiani” - via della Conciliazione, 33 Mantova
INIZIATIVA APERTA AL PUBBLICO

Conferenza-Concerto. Lo storico Marcello Flores (Università degli Studi di Siena) e il docente di diritto internazionale Gabriele della Morte (Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano) discutono, a partire dal Processo di Norimberga e dal Processo Eichmann, di come si è venuto a costituire l’attuale concetto di crimine di genocidio. Proiezione di parti del documentario originale del Processo di Norimberga restaurato da Sandra Schulberg.
Presenta il prof. Andrea Ranzato (Liceo Musicale “Isabella d’Este”, Mantova)
Al termine della conferenza verranno eseguite composizioni di Padre Komitas, musicista ed etnomusicologo armeno, testimone del genocidio del suo popolo.
Federico Genna, pianoforte (classe del prof. Salvatore Spanò); Elena Guerreschi, soprano
L'incontro è organizzato dal Conservatorio di Musica "Lucio Campiani" in collaborazione con l'IMSC e le Librerie Coop Nautilus di Mantova, e fa parte di una serie dal medesimo Conservatorio programmata tra il 22 ed il 28 gennaio.
Scarica la brochure 

 

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE

La città di Castiglione delle Stiviere in collaborazione con la Provincia di Mantova e la parrocchia dei Santa Nazario e Celso, ha programmato una serie di eventi in memoria della Shoa.
Dal 25 gennaio all'11 febbraio, incontri, proiezioni e attità espositive.
Scopri il programma completo
Scarica il programma completo


SUZZARA
venerdì 22 gennaio e martedì 26 gennaio presso il Centro Piazzalunga a partire dalle ore 8,30
Essere bambini e adolescenti durante la persecuzione e la distruzione degli Ebrei d'Europa
 Maria Bacchi e Nella Roveri dell'IMSC parlano agli studenti delle classi intorno all'Essere bambini e adolescenti durante la persecuzione e la distruzione degli Ebrei d'Europa. Racconti di dolore e di resistenza delle ragazze e dei ragazzi ebrei durante la Shoah.

Suzzara, Giorno della Memoria 2016

ACQUANEGRA SUL CHIESE,
sabato 23 gennaio
 alle ore 18 presso la Biblioteca Comunale
Storia di Luisa, una bambina ebrea di Mantova
La Biblioteca in collaborazione con l'IMSC organizza una riunione, aperta a tutti, con Maria Bacchi e Fernanda Goffetti dell'IMSC, curatrici del volume Storia di Luisa. Una bambina ebrea di Mantova.
La riunione segue ad un incontro di formazione con gli insegnanti e ad un laboratorio didattico con gli studenti. Il volume venne edito nel 2011 a Mantova dall'editore Arcari per conto dell'Archivio di Stato, dell'IMSC e dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. Raccoglie saggi di vari autori ed uno schedario che ricostruisce la vicenda di Luisa Levi, la più giovane deportata di Mantova.


MANTOVA

UNA GOCCIA NEL MARE
Sabato 23 gennaio 2016 | ore 10.15
Auditorium “Claudio Monteverdi”
Conservatorio di Musica “Lucio Campiani” - via della Conciliazione, 33 Mantova
ANTEPRIMA RISERVATA AGLI ALLIEVI DEL LICEO MUSICALE "ISABELLA D'ESTE"

Domenica 24 gennaio 2016 | ore 21.00
Teatro Accademico del Bibiena - Mantova
EVENTO APERTO AL PUBBLICO
INGRESSO GRATUITO - PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:
tel. 0376 324636 - comunicazione@conservatoriomantova.com

Rappresentazione. Montaggio documentario/concerto attorno alla figura di Otto Adolf Eichmann, gerarca nazista processato nel 1961 a Gerusalemme, cui fanno da contraddittorio le pagine di diario di Etty Hillesum, giovane scrittrice olandese morta ad Auschwitz nel 1943.
Musiche della tradizione religiosa ebraica, composizioni di Alban Berg, Ernest Bloch, Maurice Ravel eseguite da allievi e docenti del Conservatorio Lucio Campiani e del Liceo Musicale Isabella D'Este; coro di voci bianche del Conservatorio (dir. Francesco Loregian) e del Liceo Muiscale (dir. Romano Adami e Daniele Braghini). Regia: Giovanna Maresta; Direzione musicale: Luca Colombarolli
Scarica la brochure 

 

MANTOVA

Commemorazioni e incontri.
La città di Virgilio, rende la memoria un elemento vivo: le lezioni del passato sono occasione di riflessione sulle contraddizioni e sulle speranze del nostro tempo.
Scrisse Salvatore Quasimodo: "Da quell'inferno aperto da una scritta bianca: 'Il lavoro vi renderà liberi' uscì continuo il fumo".
In quel fumo era stata trasformata l'esistenza di una moltitudine di donne, uomini, bambini. Mai più. Tutto questo mai più. Per far sì che questa barbaria non si ripeta occorre conoscere, capire e sentire; studiare e vedere i luoghi della memoria. Storia e memoria sono risorse fondamentali per l'umanità, permettono di utilizzare il passato per capire il presente. La memoria è l'esperienza del vissuto, porta il passato nel presente, impedisce l'oblio.

leggi il programma

SABBIONETA

Il 27 gennaio, come ogni anno a Sabbioneta, l'ingresso alla Sinagoga e al Cimitero Ebraico saranno gratuiti.
L'iniziativa che quest'anno l'Ass. Pro Loco di Sabbioneta, unitamente alla Comunità Ebraica di Mantova e in collaborazione con il Comune di Sabbioneta e l'Istituto Comprensivo, ha ritenuto opportuno promuovere, è rivolta ai ragazzi delle locali Scuole Medie.
La mattina del 2 febbraio, nel Teatro all'Antica di Sabbioneta, il Teatro dell'Elica metterà in scena uno spettacolo dal titolo "Il valore della Memoria". Come afferma Elio Zulian, che ne è il direttore artistico, "La memoria è un possente strumento per capire e per rispondere alle sollecitazioni del presente. La guerra nei Balcani, il Medio Oriente in fiamme, il minacciato scontro di civiltà dimostrano che l'odio fra le genti e le stragi degli innocenti non sono una pura e semplice eredità di un passato-sogno di incubi. Alle nostre menti si affaccia infatti la domanda: ma sarà sempre così, anzi, sempre più così?" Racconti, letture e testimonianze saranno proposte in forma teatrale con accompagnamento musicale, in un percorso storico per non dimenticare "Mai più". L'Associazione Teatro dell'elica di Lissone (MB) è nata nel 1986 con l'obiettivo di coltivare una tradizione di cultura teatrale aperta al territorio ed alla società. Nel corso degli anni la compagnia si è specializzata principalmente nel settore del Teatro Ragazzi e ha attivato corsi di formazione al teatro per bambini, ragazzi e adulti.

 

MANTOVA

Mercoledì 27 gennaio 2016, ore 21.00 (Teatro Accademico del Bibiena)
Sentire la memoria, un concerto per ricordare.
L'Accademia Nazionale Virgiliana, il Comune di Mantova e l'Istituto Mantovano di Storia Contemporanea ricordano insieme la Shoah

Non stanco rito ripetitivo, ma reale impulso a una riflessione profonda, il ricordo della Shoah deve rigenerarsi anche nutrendo la creatività contemporanea: è quanto si propone di promuovere la terza edizione di Sentire la memoria, un concerto per ricordare, iniziativa voluta dall'Accademia Nazionale Virgiliana in collaborazione con il Comune di Mantova e con l'Istituto Mantovano di Storia Contemporanea.
I brani prescelti ricordano come la cieca follia nazista abbia tentato di annientare non solo il popolo ebreo, ma anche ogni contributo all'arte tedesca, che non fosse di pura origine ariana. Molti compositori e interpreti furono cancellati o perseguitati, perché di origine ebraica, o perché tedeschi che avevano osato difendere artisti ebrei o criticare il regime o impegnarsi nelle "degenerate" avanguardie artistiche. In programma, una nuova trascrizione (2015) del potente poema sinfonico Totenfeier (1888) di G. Mahler; i 6 brevi pezzi (2015) per orchestra da camera di A. Mannucci, ispirati a testimonianze letterarie della Shoah; la travolgente Kammermusik op. 14 n. 1 di P. Hindemith (1922), ricca di echi musicali dei primi anni Venti.
Folto il gruppo degli interpreti. Il Quartetto dell'Accademia (Paolo Ghidoni violino I), collaborerà infatti con l'Orchestra Ned Ensemble, diretta da Andrea Mannucci.
Le letture saranno affidate al Laboratorio teatrale "G. Bagatta" (Desenzano), con la regia di Fausto Ghirardini.
Introducono gli accademici Maurizio Bertolotti e Paola Besutti.
L'incontro si inserisce nella rassegna "I Concerti dell'accademia" (anno XIII, 2016). L'ingresso è libero. .
Scarica la locandina


MANTOVA

IL JAZZ, MUSICA "DEGENERATA".
Coco Schumann e i jazzisti del campo di Terezin

Giovedì 28 gennaio 2016 | ore 18.00
Auditorium “Claudio Monteverdi”
Conservatorio di Musica “Lucio Campiani” - via della Conciliazione, 33 Mantova

Lezione concerto "Ciclo musica degenerata". ll musicologo Pasquale Morgante (docente di Storia del Jazz al Conservatorio di Musica “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia) sviluppa il discorso già avviato lo scorso anno con la vicenda di Eddie Rosner sul jazz come musica doppiamente perseguitata dai nazisti in quanto “ribelle e di origine negra”, presentando l’esperienza del gruppo dei jazzisti di Terezín, fgure rimaste a lungo ai margini degli studi sulla musica concentrazionaria, con particolare attenzione al chitarrista Coco Schumann, ultimo superstite della band, la cui autobiografa è appena stata edita. Con Pasquale Morgante discute Andrea Ranzato (Liceo delle Scienze Umane / Liceo Musi- cale “Isabella d’Este”, Mantova) Si presentano flmati tratti dal documentario “Coco Schumann” di Mara Chiaretti.
Musiche di Sidney Bechet, Django Reinhardt, Richard Tauber
Lorenzo Tomelleri, pianoforte (Classe del Prof. Vittorio Mezza); Laura Chittolina, sax (Classe del Prof. giulio Visibelli); Nicolò La Torre, chitarra (Classe del Prof. Simone Guiducci); Riccardo Cocetti, batteria (Classe del Prof. Marco Volpe); Rita Gelmetti, voce solista
Scarica la brochure 

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------

VIAGGIO EVENTO

 

IN TRENO PER LA MEMORIA. AUSCHWITZ 2016

CGIL, CISL e UIL Lombardia propongono di percorrere la stessa strada insieme fino ad Auschwitz, il luogo simbolo dell'orrore e della folle politica del nazismo. Questo viaggio ha lo scopo di consegnare alle nuove generazioni la memoria delle deportazioni e dello sterminio, in modo da consentire loro di farla propria e di elaborare un pensiero vivo, una coscienza capace, oggi, di contrastare ogni tentazione di discriminazione, di segregazione e, alla fine, di distruzione ed annientamento dell'altro. Lavori di costruzione della memoria precederanno il viaggio, al quale seguirà la comunicazione delle esperienze vissute.

visualizza la locandina

---------------------------------------------------------------------------------------------------

La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati. (legge 20 luglio 2000, n. 211)